RAI: le giovani stelle Shokhakimov e Cho con l`Orchestra Sinfonica Nazionale - Osn Rai

RAI: le giovani stelle Shokhakimov e Cho con l`Orchestra Sinfonica Nazionale

Notizie13/05/2020

 RAI: le giovani stelle Shokhakimov e Cho con l`Orchestra Sinfonica Nazionale

Lunedì 18 maggio alle 19.30 su Rai5 (canale 23)

È il giovane direttore uzbeko Aziz Shokhakimov, il protagonista del concerto dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai che Rai Cultura propone su Rai5 lunedì 18 maggio alle ore 19.30. Nel 2010, a soli 22 anni, Shokhakimov ha conquistato il secondo premio alla Gustav Mahler International Conducting Competition di Bamberga, iniziando così una carriera che l’ha portato sul podio di orchestre come la Staatskapelle di Dresda e la Deutsche Kammerphilharmonie di Brema. Classe 1988, ha ricevuto prestigiosi premi, tra cui il “Salzburg Festival Young Conductors Award”; è stato nominato Kapellmeister della Deutsche Oper am Rhein ed è anche Direttore principale dell’Orchestra Sinfonica Nazionale dell’Uzbekistan.

La serata, registrata all’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino nel marzo 2018, si apre con il Concerto n. 3 in re minore per pianoforte e orchestra di Sergej Rachmaninov. Forse il più complesso e impegnativo tra i quattro concerti del compositore russo, è contornato da un’aura di leggendaria difficoltà tecnica, grazie anche al film Shine, nel quale il protagonista Geoffrey Rush, che interpreta il pianista David Helfgott, sprofonda nella pazzia per la spasmodica tensione causata dall’esecuzione di questa pagina. A interpretarlo è chiamato il pianista coreano Seong-Jin Cho, balzato agli onori delle cronache per aver vinto il primo premio al Concorso Chopin di Varsavia nel 2015, qui al suo debutto con l’Orchestra Rai. Le sue interpretazioni riflessive e poetiche e il suo strabiliante virtuosismo lo hanno rapidamente portato a suonare con direttori come Valery Gergiev, Esa-Pekka Salonen, Antonio Pappano e Myung-whun Chung.

A seguire la Sinfonia n. 4 in fa minore di Pëtr Il'ič Čajkovskij, composta tra il dicembre del 1876 e il gennaio del 1878, in un periodo particolarmente irrequieto della vita del compositore, ma durante il quale nacque il suo rapporto con Nadejda von Meck, ricca mecenate che, senza mai conoscerlo personalmente, lo sostenne negli anni a venire. La sinfonia venne eseguita per la prima volta a Mosca il 10 febbraio del 1878, sotto la direzione di Nikolaj Rubinstein. La baronessa von Meck era presente all’esecuzione. Čajkovskij le descrisse la sua opera in una lettera: “Così la vita è un costante alternarsi di aspra realtà, di sogni evanescenti, di fuggevoli visioni di felicità. Non vi è alcun porto. Si naviga su quel mare finché esso vi sommerge e vi fa affondare nella sua profondità”.