Il violino magnetico di Alena Baeva con Tomáš Netopil - Osn Rai

Il violino magnetico di Alena Baeva con Tomáš Netopil

Notizie29/11/2019

 Il violino magnetico di Alena Baeva con Tomáš Netopil
scarica il pdf dell'articolo allegato

Giovedì 5 dicembre all’Auditorium Rai di Torino con diretta su Radio3 e in Euroradio
Replica venerdì 6 dicembre

La presenza magnetica e la grazia espressiva di una stella pluripremiata del violino che viene dall’Est. È la giovane russa originaria del Kirghizistan Alena Baeva, protagonista del concerto dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai in programma giovedì 5 dicembre alle 20.30 (turno rosso) all’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino, con trasmissione in diretta su Radio3 e nel circuito Euroradio, e con replica venerdì 6 dicembre alle 20 (turno blu). Protégée di virtuosi dell’archetto come Mstislav Rostropovič e Shlomo Mintz, Baeva ha intrapreso rapidamente una brillante carriera da solista che l’ha portata nelle sale da concerto più prestigiose al mondo. Trionfatrice di concorsi internazionali – il Wieniawski a sedici anni nel 2001, il Paganini di Mosca nel 2004 e il Sendai in Giappone nel 2007 – collabora con direttori quali Valery Gergiev, Paavo Järvi e Vladimir Jurowski. Il suo repertorio vastissimo comprende oltre quaranta concerti per violino di epoche diverse, che affiancano alla letteratura tradizionale autori dimenticati come Bacewicz, Karayev e Karłowicz.

Per il suo debutto con l’Orchestra Rai Alena Baeva interpreta il Concerto in re minore per violino e orchestra op. 8 di Richard Strauss. Concepito sui banchi di scuola, prendendo appunti durante le lezioni al Ludwigsgymnasium di Monaco, il brano fu terminato nel 1882 e dedicato a Benno Walter, insegnante di violino e parente di Strauss. Pur essendo un concerto giovanile non manca d’inventiva e di eleganza armonica, caratteri tipici della successiva maturità del compositore.

Sul podio dell’Orchestra Rai torna il ceco Tomáš Netopil, Direttore musicale generale del Teatro e della Filarmonica di Essen dal 2013 e Direttore ospite principale dell’Orchestra Filarmonica Ceca dal 2018. In apertura di programma propone le musiche per il balletto K 367 dall’Idomeneo, re di Creta di Wolfgang Amadeus Mozart. Opera di svolta nell’evoluzione stilistica mozartiana, Idomeneo segna la fine degli anni di peregrinazione e apprendimento prima del trasferimento a Vienna. In genere omesse nelle rappresentazioni teatrali e più frequenti in sala da concerto, le musiche furono scritte da Mozart nello stile del divertissement francese per mettere in risalto le potenzialità espressive della celebre orchestra di Mannheim, prima interprete dell’opera a Monaco nel 1781.

Chiude la serata la Sinfonia n. 2 in do maggiore op. 61 di Robert Schumann. Terminata nel 1846, questa pagina risale ad un periodo angoscioso della vita del musicista, colpito durante la sua composizione dai primi attacchi di quella malattia nervosa che lo avrebbe portato al completo ottenebramento delle facoltà mentali. Rispetto alla Prima Sinfonia, scritta ancora in piena salute sotto il segno della gioia primaverile, la Seconda è pervasa da un’atmosfera di fantasia malinconica che convive con un rigore costruttivo particolarmente accentuato.

Le poltrone numerate da 30 a 15 euro (ridotto giovani under 35) sono in vendita sia online sia presso la biglietteria dell’Auditorium Rai. Un’ora prima dei due concerti sono messi in vendita gli ingressi non numerati a 20 e 9 euro. Informazioni: 011.8104653 – biglietteria.osn@rai.itwww.osn.rai.it