FABIO LUISI DIRETTORE EMERITO E ROBERT TREVINO DIRETTORE OSPITE PRINCIPALE DELL’ORCHESTRA RAI - Osn Rai

FABIO LUISI DIRETTORE EMERITO E ROBERT TREVINO DIRETTORE OSPITE PRINCIPALE DELL’ORCHESTRA RAI

Notizie04/05/2021

 FABIO LUISI DIRETTORE EMERITO E ROBERT TREVINO DIRETTORE OSPITE PRINCIPALE DELL’ORCHESTRA RAI

Luisi protagonista del primo concerto aperto al pubblico, giovedì 6 maggio alle 20, anche in diretta su Radio3 e in streaming su www.raicultura.it
 
Un grande direttore italiano affermato in tutto il mondo e un giovane direttore americano invitato regolarmente dalle più prestigiose compagini del suo Paese, ma anche nella “vecchia Europa”. Sono Fabio Luisi e Robert Trevino, rispettivamente i nuovi Direttore emerito e Direttore ospite principale dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai.
 
Fabio Luisi è nato a Genova e ha 62 anni. Come Direttore emerito nei prossimi anni sarà impegnato con la compagine Rai per tre/quattro concerti l’anno.
Ricopre attualmente incarichi prestigiosi presso l’Opera di Zurigo, l’Orchestra della Radio Danese, è Direttore musicale del Festival della Valle d'Itria di Martina Franca e della Dallas Symphony Orchestra. Dal settembre 2022 sarà anche Direttore principale della NHK Symphony Orchestra di Tokyo.
Negli ultimi anni è stato protagonista di diversi concerti di successo con l’Orchestra Rai: dal suo debutto 2017, con replica a Piacenza, l’ha diretta in altri cinque concerti, compreso quello del Natale 2018 nell’Aula del Senato della Repubblica.
È stato Direttore Principale dei Wiener Symphoniker – ha ricevuto dall’orchestra la medaglia e l’anello d’oro intitolati a Bruckner –, Direttore Musicale Generale della Staatskapelle e della Sächsische Staatsoper di Dresda, Direttore Principale del Metropolitan di New York. 
 
«Da quando ho diretto l’Orchestra della Rai per la prima volta nel dicembre 2017 – dice Fabio Luisi – sono tornato spesso sul suo podio. È nato un ottimo rapporto artistico e umano che è sfociato nella nomina a Direttore emerito, con la quale sarò felice di tornare all’Auditorium Rai di Torino domani e poi a ottobre per l’inaugurazione della prossima stagione sinfonica».
 
Fabio Luisi è protagonista del concerto dell’OSN Rai in programma domani, giovedì 6 maggio alle 20, il primo aperto al pubblico dopo le chiusure dei teatri per l’emergenza sanitaria. La serata, accessibile a un massimo di 200 persone, sarà anche trasmessa in diretta su Radio3 e in live streaming sul portale di Rai Cultura. Assieme a Luisi è impegnato il giovane pianista Alexander Malofeev. In programma il Concerto n. 1 in mi bemolle maggiore per pianoforte e orchestra di Franz Liszt e la Sinfonia n. 6 in si minore op. 74 “Patetica” di Pëtr Il’ič Čajkovskij.
 
Robert Trevino ha 37 anni, è di origini messicane ed è cresciuto a Fort Worth, in Texas. Il suo impegno come Direttore ospite principale dell’Orchestra della Rai è della durata di tre anni, durante i quali salirà sul podio della compagine tre volte l’anno ed effettuerà anche tournée all’estero. 
Attualmente è Direttore musicale dell’Orchestra Nazionale Basca e Consulente artistico dell’Orchestra Sinfonica di Malmö.
Si è imposto all’attenzione internazionale con il trionfo al Teatro Bol’šoj di Mosca nel 2013, sostituendo Vassily Sinaisky sul podio del Don Carlo di Verdi. Da allora è invitato regolarmente dalle orchestre prestigiose in America – dalla Cincinnati Symphony alla Philadelphia Orchestra – e all’estero – dai Münchner Philharmoniker alla London Symphony Orchestra. Cresciuto sotto l’egida di Michael Tilson Thomas e Seiji Ozawa, ha sviluppato una particolare sensibilità per il repertorio mitteleuropeo.
Dopo il suo debutto sul podio dell’Auditorium Rai di Torino il 16 e 17 gennaio 2019, in un concerto replicato anche a Udine, ha diretto l’Orchestra Rai in altri due concerti, il 19 e il 26 novembre 2020.
Nell’autunno 2021 con l’Orchestra della Rai sarà protagonista di una tournée in Germania.
 
«Fin dal primo momento in cui ho fatto musica con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, con l’esecuzione di Eine Alpensinfonie di Strauss – dice Robert Trevino – mi è parso evidente che avessimo la stessa idea del nostro scopo in quanto artisti, che è quello di comunicare e dare espressione alle più grandi emozioni che proviamo. Da allora ho sempre atteso con piacere ogni occasione di tornare a fare musica con loro nella bellissima Torino, e ogni volta è sempre stata un’esperienza magnifica. Sembra la naturale e bellissima continuazione di una relazione che si approfondisce e sono per questo onorato di accettare la posizione di Direttore ospite principale