DANIEL HARDING IN DIRETTA SU RAI5 FESTEGGIA BEETHOVEN CON L’ORCHESTRA RAI - Osn Rai

DANIEL HARDING IN DIRETTA SU RAI5 FESTEGGIA BEETHOVEN CON L’ORCHESTRA RAI

Notizie14/12/2020

 DANIEL HARDING IN DIRETTA SU RAI5 FESTEGGIA BEETHOVEN CON L’ORCHESTRA RAI

Giovedì 17 dicembre alle 20.30 dall’Auditorium Rai di Torino, anche su Radio3, in Euroradio e in live streaming su RaiPlay

Segna il culmine della settimana di festeggiamenti di Rai Cultura per il 250esimo compleanno di Ludwig van Beethoven il concerto dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai diretta da Daniel Harding che Rai5 trasmette in diretta il giorno dopo il suo anniversario, giovedì 17 dicembre alle 20.30, dall’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino. La serata, senza la presenza di pubblico in sala, è anche trasmessa in diretta su Radio3, in Euroradio e in live streaming su RaiPlay.

Daniel Harding torna sul podio della compagine Rai a pochi giorni dal concerto che il 13 dicembre ha segnato il suo debutto, e propone due tra le più amate sinfonie beethoveniane: la Quinta e l’Ottava. Nato nel 1975 a Oxford, Harding ha iniziato giovanissimo la carriera come assistente prima di Sir Simon Rattle alla City of Birmingham Symphony Orchestra e poi di Claudio Abbado presso i Berliner Philharmoniker. Ha ricoperto incarichi presso l’Orchestre de Paris, la Mahler Chamber Orchestra, la London Symphony Orchestra e l’Orchestra Sinfonica della Radio Svedese, ma è stato ospite di tutte le più prestigiose istituzioni musicali del mondo, dai Berliner e Wiener Philharmoniker al Festival di Salisburgo, al Teatro alla Scala.

La serata si apre con la Sinfonia n. 8 in fa maggiore op. 93, che fu chiamata dal compositore «piccola Sinfonia», per la sua brevità e leggerezza. Fu composta con una rapidità insolita durante il 1811 e completata nell’estate dell’anno seguente a Teplitz, Karlsbad e Linz. Pausa di illuminata serenità in cui si placano le molte tempeste che agitavano lo spirito beethoveniano, l’opera segna un ritorno inatteso alla forma classica, più vicina ai modelli di Haydn e Mozart. Segua celebre Sinfonia n. 5 in do minore op. 67, che invece fu scritta fra il 1804 e il 1808. Nella sua aperta professione di eroismo, che raggiunge l’apice nella possente cellula ritmica iniziale definita «il destino che bussa alla porta», il brano lascia intravedere le vette in cui l’autore si avventurerà negli anni successivi.

«L’emergenza sanitaria – dice il Direttore artistico dell’OSN Rai Ernesto Schiavi – ci ha costretti a cancellare l’integrale delle sinfonie di Beethoven che avevamo previsto per il giugno scorso. Ma nei “Concerti d'autunno”, con la complicità di direttori come Daniele Gatti, Fabio Luisi e Ion Marin, cui si aggiunge ora Daniel Harding, siamo riusciti a programmarne sette su nove, offrendo al pubblico che ci segue su Rai5, Radio3 e sul web, un’ampia gamma di approcci interpretativi differenti».

Foto di Julian Hargreaves